Gocce di commozione felice
mi scaldano gli occhi
mentre gli amici di una vita fa
si fanno reciproche ed eterne promesse.

Trovo la mia faccia da sedicenne
acerba e problematica
dentro l'album dei loro ricordi
(ed alcuni sono anche i miei).

I figli dei nostri amici
della stessa vita fa
mi giocano tra i piedi.

Tra le vite nuove
dei miei vecchi amici,
sono seduta a questa festa anch'io,
con la mia strada così diversa e lontana dalla loro.

Io, perennemente affacciata sulle pieghe dell'anima mia.

Immagine: -Il sogno- H. Matisse

Commenti

  1. Salento_mare il 23/09/08 alle 02:07 via WEB
    Nodi di gola nostalgici rievocano pensieri innocenti crono che mai frena inondano i miei tristi pensieri Nuovi scenari sorprendono stanze si ricoprono di ignoti misteri la vita và avanti strade lontante che s'incrociano Un buio orizzonte oscure celesti bagliori abbagliano la gente è numerosa e confusa inno alla natura èaul
    Rispondi


    purqua.pa il 23/09/08 alle 10:05 via WEB
    alla fine conta solo asciugarsi bene i capelli
    Rispondi


    elizabeth77 il 24/09/08 alle 00:02 via WEB
    parli facile tu!!
    Rispondi


    angelorossodgl il 23/09/08 alle 13:36 via WEB
    Anche io le stesse sensazioni ad ogni matrimonio, battesimo, evento mondano di gente che è cresciuta insieme a me e prima di me ha deciso di scommettere su un futuro in due...
    Rispondi


    elizabeth77 il 24/09/08 alle 00:03 via WEB
    io di solito li evito accuratamente...ma stavolta mi ha fatto piacere esserci...
    Rispondi


    merendero77 il 29/09/08 alle 17:13 via WEB
    Quante volte mi sento così...tra gli amici di una vita fa... io che invece non porto ancora anelli al dito ne ho prole fra i piedi.. e quanta nostalgia
    Rispondi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...