Strano quanto le vite si intreccino.

Strano come due sguardi sconosciuti e un'imbarazzata stretta di mano possano diventare una vita sola, anche se solo per qualche mese.

Un sola mente, un solo corpo.

Pura intimità e intesa.

E poi di colpo di nuovo estranei,
quasi sconosciuti.

Strano come le vite passino.

Stano come le alchimie si creino e poi svaniscano in un attimo.

Strano,
dolorosamente bello
e terribilmente triste.

Commenti

  1. al_pessimo_esempio il 31/03/08 alle 12:45 via WEB
    ci vorrebbe un raccoglitore di energia per queste repentine reazioni di connessio e scissione. ci potremmo alimentare gli impianti elettrici delle citta'.
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/03/08 alle 12:50 via WEB
    potremmo inventarci qualcosa del genere...
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 31/03/08 alle 12:52 via WEB
    si... la grande palla.
    Rispondi


    Midnight_Raver il 31/03/08 alle 14:27 via WEB
    già. tutte e tre le cose, esattamente.
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/03/08 alle 17:10 via WEB
    meno male che sei daccordo con me...mi sento meno sola...
    Rispondi


    Midnight_Raver il 31/03/08 alle 18:23 via WEB
    e come potrei non esserlo? (e se ti senti sola, vieni a cena quando vuoi)
    Rispondi


    andrea2374ad il 31/03/08 alle 16:01 via WEB
    Cara Elizabeth, vorrei scriverti qualcosa di divertente per attenuare la tristezza ma, come sai, stò vivendo un momento della vita che mi porta di essere più serio su questo argomento... ho passato gli ultimi tempi a demolirmi la mente ponendomi mille domande e le stesse considerazioni sulle storie di amore che hai descritto in questa post... beh...sono arrivato ad avere un'opinione precisa in merito; Non penso che siano strani questi avvenimenti, penso che siano delle precise dinamiche del rapporto sentimentale, anche se quasi mai prevedibili... l'unica cosa strana è la nascita dell'amore, anzi, della passione, può succedere anche tra persone molto diverse, tipo di vita e caratteri contrastanti, una fiammata imprevedibile... può continuare, l'importante è alimentare questo fuoco; per me l'unico modo per farlo è quello di essere entrambe disposti a mettersi continuamente in discussione ed immedesimarsi nell'altro, senza di questo non diventerà mai Amore..... Purtroppo di questo non puoi rendertene conto prima, puoi saperlo solo vivendo..... solo quando è spento il fuoco ti accorgi che sotto c'era poca legna...qualcuno ci ha messo solo paglia...allora ti rendi conto che non è strano che si sia spento, improvvisamente.....
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/03/08 alle 16:06 via WEB
    Non era una riflessione sull'amore...solo un'affascinata riflessione sul concatenarsi degli eventi...sul caso...sulla facilità di alcune alchimie...e su quanto poi tutto possa passare in un soffio di vento... Un sorriso.
    Rispondi


    andrea2374ad il 31/03/08 alle 16:22 via WEB
    Lo sò che hai una visione poetica della vita... io purtroppo non riesco a trovarne nelle separazioni, turbolente o pacifiche ... chissà, un giorno potresti darmi qualche lezione privata a riguardo, mi farebbe bene...
    Rispondi


    tuathade il 31/03/08 alle 16:05 via WEB
    è una magia. che dura quel che dura, si. la bellezza dell'effimero, a volte.
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/03/08 alle 16:06 via WEB
    già...magia... :-)
    Rispondi


    fela78 il 31/03/08 alle 21:44 via WEB
    io invece ho sempre riflettuto su come questi incontri portino la vita su altri lidi, come queste intimità improvvise facciano cambiare le rotte e poi..ti lasciano sulla riva a fare un altro percorso, non sempre necessariamente sbagliato, ma forse solo perchè non cè un cammino sbagliato
    Rispondi


    piccololavoratore il 03/04/08 alle 00:36 via WEB
    ...mesi??? beata te!!!
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 04/04/08 alle 15:06 via WEB
    non e' strano (secondo me)...e' fondamentale affinche' il cammino non sia statico o immagine di movimento astratto. e poi certi incontri ti cambiano la vita magari dandoti anche solo esempio di coraggio. magari dandoti esempio di disonesta'. decidi tu cosa accogliere e cosa negare. ma ci si volge verso passi nuovi. e e' meraviglioso...almeno per me. un saluto fugace dalla sempre piu' ridicolaleggerezza

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...