La prima volta che ti ho spogliato

eri solo un profumo inebriante,

un sapore di buono

e un corpo nuovo

osservato con diffidenza e timore.

Ora ti cerco nel buio
del mio letto
e accarezzo la fossetta della tua schiena
come una ninnananna sussurrata e familiare.

Riconosco il suono del tuo sorriso,
le tue difficoltà dal tono della voce,
e continuo ad adorare la tua risata.

Posso ricostruire il tuo viso al buio
per tutte le volte che l’ho accarezzato
e accarezzato
e accarezzato.

Riconosco il suono delle tue mani
sulla ringhiera delle scale
di casa mia.

Posso sfiorarti come se fossi me.
Basta allungare una mano.

Vorrei la stessa facilità
per accarezzarti l’anima.

Immagine: -Carezza- Giosi Costan

Commenti

  1. HPIsystem il 29/02/08 alle 15:14 via WEB
    che bella! molto delicata :)
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:38 via WEB
    Grazie...
    Rispondi


    andrea2374ad il 29/02/08 alle 15:40 via WEB
    impressione istintiva: una punta d'invidia... la carezza di una donna innamorata, intima, come una ninnananna sussurrata e familiare... forse sono suggestionabile, ma non sò cosa darei per essere il soggetto di tanta delicata attenzione...
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:28 via WEB
    non so se il soggetto di tanta delicata attenzione è daccordo con te...non sono sempre così delicata... :-P
    Rispondi


    andrea2374ad il 01/03/08 alle 18:01 via WEB
    impressione istintiva: un'altra puntina d'invidia!:)
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 18:48 via WEB
    è perchè non mi conosci bene...
    Rispondi


    xenuca il 29/02/08 alle 22:52 via WEB
    impressioni istintive: ammirazione (per la capacità di descrivere queste sensazioni); nostalgia(per la capacità di provarle).
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:27 via WEB
    Grazie! Ma la capacità di provare sensazioni non si perde...a volte si dimentica un po'...ma poi si ritrova..
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 01/03/08 alle 01:07 via WEB
    fossimo sempre fatti d'anima potrei capirti...ma dato che prove alle zampe ogni tanto quest'anima sparisce dico: continua a accarezzare il corpo. quando riapparira' l'anima ne riparleremo
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:38 via WEB
    è che l'anima è difficile da raggiungere...anche quando è in cerca di carezze...
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 02/03/08 alle 15:56 via WEB
    ma credo che sia parte del gioco...
    Rispondi

    RispondiElimina
  2. the_closer il 01/03/08 alle 01:09 via WEB
    che bella sensazione che mi ha dato. non è triste nè nostalgica...è dolce come un abbraccio, un silenzio...
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:26 via WEB
    che bel commento...grazie!
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 01/03/08 alle 08:21 via WEB
    ...suono delle mani sulla ringhiera delle scale...? bocca mia taci.
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:26 via WEB
    perchè tacere ragazzo?
    Rispondi


    xenuca il 01/03/08 alle 14:58 via WEB
    a me fa venire in mente Farewell, ogni sera là, a passo di danza, salire le scale e sentire i tuoi passi che arrivano,il ticchettare del tuo buonumore,quando aprivi la porta il sorriso ogni volta mi entrava nel cuore...
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 15:19 via WEB
    grazie... :-)
    Rispondi


    merendero77 il 01/03/08 alle 19:59 via WEB
    Infatti è vero..
    Rispondi


    fela78 il 01/03/08 alle 12:06 via WEB
    beh, finalmente sensazioni positive...sono contenta ,sul serio, solo...mi fai ricordare quell'amaro in bocca che non se ne va...
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 13:39 via WEB
    hmm...questa mo me la spieghi...
    Rispondi


    fela78 il 01/03/08 alle 19:36 via WEB
    parlavo solo di me...per te sono contenta e basta!
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/03/08 alle 19:46 via WEB
    e io ti abbraccio come in un film americano! :-P
    Rispondi


    merendero77 il 01/03/08 alle 19:59 via WEB
    La tua poesia è bellissima, non immagini quante sensazioni e ricordi hai suscitato in me...Grande! L'ho vissuta sulla mia pelle
    Rispondi


    purqua.pa il 03/03/08 alle 11:42 via WEB
    sono gli altri capelli che incuriosiscono
    Rispondi


    andrea2374ad il 05/03/08 alle 10:24 via WEB
    è un capellone che costringe la poverina ad accarezzarsi da sola.... ti sembra carino?
    Rispondi


    elizabeth77 il 05/03/08 alle 10:35 via WEB
    ragazzi...non credo proprio che siano capelli...e poi guardate che di capelloni dalle mie parti proprio non se ne vedono...!!!
    Rispondi


    andrea2374ad il 05/03/08 alle 10:44 via WEB
    la grafica è simile a quella dei capelli della bagnante desnuda, per me è un capellone senza dubbio... tu invece come la interpreti sta cosa?
    Rispondi


    elizabeth77 il 05/03/08 alle 10:47 via WEB
    secondo me è un albero...tipo un salice... :-)
    Rispondi


    andrea2374ad il 05/03/08 alle 11:25 via WEB
    mmm....sai cos'è che mi piace un casino e che rende tutto ancora più delicato e piacevole? la superficie dell'acqua... i riflessi, la superficie piatta, la calma e l'immobilità del tramonto...anzi, l'alba...
    Rispondi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...