La mia inquietudine è un fiume che tento di gestire.
Sento scorrere la paura
come un brivido,
mentre tento di contenere
e governare
la mia piena.

Conosco la potenza della mia energia,
nel bene e
nel male.
So che travolgo.
E resto travolta.

Ma non ho fiducia.
Non sono al sicuro.

Non lascerò esplodere i miei argini.

Immagine: Sebastiao salgado

Commenti

  1. al_pessimo_esempio il 27/01/08 alle 14:57 via WEB
    forse tocchera' accumulare qualche sacco di sabbia di rinforzo...
    Rispondi


    elizabeth77 il 27/01/08 alle 15:07 via WEB
    eh si...ma sono già all'opera... :-)
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 27/01/08 alle 15:10 via WEB
    se ti serve una mano... non fare complimenti.
    Rispondi


    elizabeth77 il 27/01/08 alle 15:23 via WEB
    certo che mi serve una mano, ragazzo...
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 27/01/08 alle 15:26 via WEB
    beh... per i lavori di fatica sono perfetto. se mi offro volontario... e in questo caso, mi sono offerto. su... dove li hai stipati? che comincio a caricarli sul furgone..
    Rispondi


    elizabeth77 il 27/01/08 alle 15:27 via WEB
    sono in cantina...è un lavoraccio ragazzo...
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 27/01/08 alle 16:42 via WEB
    ...dopo il recinto alla cascina di renato non temo lavoracci...
    Rispondi


    the_closer il 27/01/08 alle 18:54 via WEB
    male. l'inquietudine genera inquietudine e diventa un'abitudine che è difficile togliere. lascia andare, travolgi e fatti travolgere, esplodi. nessuno è al sicuro finchè non fa questo e la fiducia va conquistata anche verso se stessi, forse soprattutto verso se stessi. perchè crearsi un'argine quando già c'è insofferenza verso gli argini che tendono ad imporci gli altri?
    Rispondi


    elizabeth77 il 27/01/08 alle 19:20 via WEB
    hai ragione...si...ma sto cercando di proteggermi...
    Rispondi


    the_closer il 27/01/08 alle 19:54 via WEB
    ti proteggi meglio se esterni perchè poi somatizzi. te lo dice una che ha la schiena messa da ridere per non averlo fatto prima
    Rispondi


    fela78 il 28/01/08 alle 11:36 via WEB
    potevi mettere l immagine dell aniene, il tratto sotto casa, quello con le baracche...magari con un po di fortuna avresti beccato anche la pantegana che prendeva il sole..meno poetico, ma vuoi mettere che spettacolo!
    Rispondi


    elizabeth77 il 28/01/08 alle 11:37 via WEB
    ho messo questa per pigrizia...più facile da rintracciare... :-)
    Rispondi


    noraa66 il 29/01/08 alle 12:40 via WEB
    ogni controllo e' una forzatura. lasciati andare...
    Rispondi


    elizabeth77 il 29/01/08 alle 12:45 via WEB
    come lanciarsi in un burrone... :-)
    Rispondi


    the_closer il 29/01/08 alle 23:36 via WEB
    si esatto. però sotto c'è il materasso :-)
    Rispondi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...