La felicità non è un diritto.

Credo nella consapevolezza di se stessi
e delle proprie azioni.
Credo nella forza e nell'energia che abbiamo dentro.
Credo nel caso...non nel destino.

Credo nella volontà degli uomini.

Immagine: -La Danza- H. Matisse

Commenti

  1. oliviaspaghetti il 12/01/08 alle 12:45 via WEB
    la felicità è direttamente proporzionale alle nostre scelte, al nostro modo di affrontare il caso. è frutto del coraggio e spesso del dolore che il coraggio comporta. solo chi sa quanto costa la felicità sa che non è un diritto. Olivia
    Rispondi


    elizabeth77 il 12/01/08 alle 14:36 via WEB
    E'esattamente quello che credo... Un abbraccio
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 13/01/08 alle 16:36 via WEB
    credo nella consapevolezza di se stessi e delle proprie azioni...(mai fingere che non sia così)
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 17:32 via WEB
    Mai perderla la consapevolezza...
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 14/01/08 alle 23:33 via WEB
    nè la tenerezza (mi permetto di citare paco anche se non c'entra)
    Rispondi


    elizabeth77 il 14/01/08 alle 23:42 via WEB
    ci proviamo a non perderla...a volte si tenta di proteggersi...proteggere le proprie tenerezze... un abbraccio
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 14/01/08 alle 23:53 via WEB
    che dirti negli ultimi tempi tutta la mia tenerezza è uscita fuori...fa male perderla...un abbraccio a te :)
    Rispondi


    elizabeth77 il 14/01/08 alle 23:58 via WEB
    io la dono solo a chi sa farne tesoro...oltre che a me stessa...non si può rinnegare quello che si è...e fondamentalmente sono una tenera... :-)
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 15/01/08 alle 11:21 via WEB
    meglio teneri che di pietra...
    Rispondi


    fela78 il 13/01/08 alle 17:28 via WEB
    io ho sempre creduto di aver diritto assoluto alla felicità...e ho sempre agito con una derminazione (troppo spesso testardaggine pura)per ottenere la MIA felicità... sarà questa la consapevolezza?o è solo la mia testaccia dura?a saperlo...
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 17:32 via WEB
    Certo che ne hai diritto..ma non è scontata..non è un premio che spetta a tutti indistintamente...e la testaccia dura serve...per raggiungere lo scopo che consapevolmente abbiamo stabilito.. un abbraccio
    Rispondi

    RispondiElimina
  2. guidopardo il 13/01/08 alle 18:10 via WEB
    Non posso che condividere questi princìpi sacrosanti. Sinceramente ho un unico dubbio: caso - destino... A volte ho come l'impressione che esista il prestabilito... Certo, potrei sbagliare, ma... Ciao e grazie. Guido
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 19:26 via WEB
    io non credo nel prestabilito..credo che la vita offra delle possibilità e sta a noi saper cogliere quella più giusta per noi e per le nostre necessità..grazie a te..
    Rispondi


    guidopardo il 13/01/08 alle 19:48 via WEB
    Cogliere quella giusta?
    Ma è tutta qui la difficoltà del vivere: come fai a conoscere la scelta giusta?
    Al bivio, come scegliere scientemente destra o sinistra? Dovresti già conoscere la meta...
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 19:50 via WEB
    La meta può essere cambiata...io credo che si debba essere capaci di ascoltare se stessi per scegliere la cosa giusta per noi...
    Rispondi


    guidopardo il 13/01/08 alle 20:47 via WEB
    Perdonami, ma mi viene in mente Guerre Stellari: "Luke ascolta la Forza che è in te"... Elizabeth, purtroppo nella vita vera non sempre ti soccorre la capacità di ascoltarti. E poi, se in te ci fosse già la risposta, perchè rivolgersi le domande?
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 20:52 via WEB
    io invece credo fermamente che la capacità di ascoltarci e la consapevolezza siano la nostra forza...le risposte maturano da sole...quando è il tempo giusto...per me è così..
    Rispondi


    guidopardo il 13/01/08 alle 21:49 via WEB
    Ovviamente non affermo che tu stia sbagliando nel tuo ragionamento: cerco solamente di riflettere insieme a te.
    Le risposte maturano da sole, dici... a volte sì, quando si ha il tempo di attendere. Spesso bisogna decidere in poco tempo, la vita pretende subito la risposta...
    Bah, certo che la vita non è sempre facile e ovvia!
    Rispondi


    elizabeth77 il 13/01/08 alle 21:54 via WEB
    Non credo esista un giusto o uno sbagliato assoluto...ragioniamo insieme..volentieri.. :-) La vita pretende subito una risposta...si a volte si...e se in quel momento la risposta c'è la daremo..altrimenti forse non era quello l'attimo da cogliere...forse...
    Rispondi


    the_closer il 14/01/08 alle 13:27 via WEB
    segui l'istinto Luke! ehmmm....guidopardo ;-)
    Rispondi


    redfish00 il 13/01/08 alle 19:20 via WEB
    Credo nell'autodeterminazione... e credo in quello che hai scritto... Red
    Rispondi


    Ultimavez il 14/01/08 alle 10:10 via WEB
    Il caos, infatti. Quello che decide la corripondenza biunivoca od univoca, tra l'evento che accade e l'applicazione della volontà. Io non ho consapevolezza, non fino in fondo, almeno. Conosco poco i miei limiti, preferisco pensare di non averne affatto. L'energia che ho dentro, va perlopiù sprecata in inutili affanni emozionali.Perciò, il caos, o come lo chiami tu, il caso...
    Rispondi


    elizabeth77 il 14/01/08 alle 10:13 via WEB
    Consapevolezza più che dei limiti della forza...e il caos genera il più delle volte...non spreca...
    Rispondi

    RispondiElimina
  3. L.a.v.i.n.i.a il 14/01/08 alle 14:38 via WEB
    anch'io, ma non è detto che funzioni. senz'altro aiuta a vivere meglio.
    Rispondi


    elizabeth77 il 14/01/08 alle 14:51 via WEB
    purtroppo formule magiche ancora non ne ho trovate...nonostante la fama da strega...
    Rispondi


    oliviaspaghetti il 15/01/08 alle 00:46 via WEB
    che begli occhi! ;)
    Rispondi


    elizabeth77 il 15/01/08 alle 00:48 via WEB
    eh...un po' inquietanti...ma questi c'ho... :-) un abbraccio
    Rispondi


    Bolla_di_sapore il 15/01/08 alle 12:23 via WEB
    Ho ritrovato la mia volontà...e non è per caso ^_-...ciao ely*********
    Rispondi


    guizzogol il 15/01/08 alle 12:38 via WEB
    Anche io non credo nel destino, eppure a volte... o forse è proprio la nostra energia che fa andare le cose in un certo modo... non so, ma credo che non tutto sia casuale!
    Rispondi


    purqua.pa il 15/01/08 alle 15:54 via WEB
    mi ricorda il testo di quella canzone di ligabue. romantici, siete due romantici (post moderni)
    Rispondi


    elizabeth77 il 15/01/08 alle 15:57 via WEB
    Mi sa che nel testo di ligabue c'è solo il "credo"...cercherò di non offendermi troppo...
    Rispondi


    purqua.pa il 16/01/08 alle 08:33 via WEB
    credere è già di una forza enorme. in cosa, poi, conta relativamente. (porgendo le scuse più sentite, cioè SCUSAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA! sentite?)
    Rispondi


    elizabeth77 il 16/01/08 alle 09:17 via WEB
    sentite forti e chiare...e sorrido...grazie... :-)
    Rispondi


    claudiomoraldi il 16/01/08 alle 13:51 via WEB
    la felicità e uno stato mentale, e l'aspirazione a cui tutti mirano in diverse forme ma pochi la raggiungono pienamente. e quel pezzetto di noi che ci sfugge e che compensiamo in altri modi. forse non e un diritto, ma dovrebbe esserlo, ma poi mi trovo a chiedermi: e se tutti fossimo felici che scopo avrebbe esserlo chi ricorderebbe che cos'è un momento triste e felice non lo sarebbe nessuno. ciao claudio
    Rispondi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...