Sono giorni sereni come non riesco a ricordarne..
E sono sereni senza alcun motivo..non monotoni..
non piatti..semplicemente sereni..
quasi felici..
se non fosse che non ho nessun grande avvenimento per cui essere felice..

E chiedo a me e alle mie amiche..sorprese quanto me..
quanto ci metterò a tornare nei casini..
chiedo a loro e loro a me cosa cavolo mi sia successo..

Sono talmente tranquilla che non mi riconosco..

E mi ritrovo in pena..
per questo stato di grazia..

Immagine: -Solitudine- Frederic Leighton

Commenti

  1. oliviaspaghetti il 20/12/07 alle 02:16 via WEB
    la tranquillità spaventosa di una sera passata fra pagine e cioccolatini. La imparo a conoscere in questo tempo di transizione.. Buonanotte, Olivia
    Rispondi


    elizabeth77 il 20/12/07 alle 09:57 via WEB
    Può essere un tempo piacevole...pagine e cioccolatini non sono male... ;-)
    Rispondi


    sparus_rm il 20/12/07 alle 09:24 via WEB
    Ma è un'ossimoro!
    Rispondi


    elizabeth77 il 20/12/07 alle 09:34 via WEB
    Yeees... :-P
    Rispondi


    oliviaspaghetti il 20/12/07 alle 10:08 via WEB
    meglio gli ossimori delle metafore.... meglio i cioccolatini, in assoluto. Buonagiornata Olivia
    Rispondi


    elizabeth77 il 20/12/07 alle 10:09 via WEB
    Adoro gli ossimori....ancor di più i cioccolatini!
    Rispondi


    fela78 il 20/12/07 alle 11:50 via WEB
    io spero che duri questo stato di grazia...
    Rispondi


    elizabeth77 il 20/12/07 alle 12:15 via WEB
    ....hm..hm....
    Rispondi


    sparus_rm il 23/12/07 alle 23:26 via WEB
    Uno stato di grazia che duri è un ossimoro.
    Rispondi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Vasaio - Pablo Neruda

Pensiero per un'amica...