Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

sabato 27 ottobre 2007

Oggi cito...perchè mi calza a pennello...

<"Non si nasce liberi, lo si diventa" e non basta
nè desiderarlo,
nè sognarlo,
nè avere la sensazione di esserlo,
per diventarlo realmente...

Essere liberi è una conquista continua e precaria,
che dura tutta la vita...

"Per essere liberi bisogna essere padroni dei propri atti e non vittime di cause incontrollabili.

Bisogna essere realisti radicati nella realtà, e insieme sognatori, per non rimanere vittime involontarie del mondo reale">

Immagine: -La ronda dei prigionieri- V. Van Gogh
Citazione: -Bisogno di libertà- Bjorn Larsson

1 commento:

  1. nottealta78 il 28/10/07 alle 19:47 via WEB
    per essere liberi bisogna dimenticare ogni cosa ed aver per anima una stella filante.oggi mi autocito perché calza a pennello,perché son l'unico con cui spesso pienamente concordo.
    Rispondi


    elizabeth77 il 28/10/07 alle 20:10 via WEB
    Hai parole sempre magiche per la mia anima...e io ho sempre sorrisi per te.. :-)
    Rispondi


    Ultimavez il 29/10/07 alle 09:26 via WEB
    Da chi citi?
    Rispondi


    elizabeth77 il 29/10/07 alle 09:33 via WEB
    Hai ragione...ora lo aggiungo...
    Rispondi


    Ultimavez il 29/10/07 alle 09:58 via WEB
    Ahh... Mah, è un tema talmente ampio da trattare. Nella mia visione atrabiliare, direi che un uomo è libero solo quando è morto.Ma è solo un'opinione...
    Rispondi


    elizabeth77 il 29/10/07 alle 10:02 via WEB
    Bisognerebbe anche chiedersi "libero da cosa"?
    Rispondi


    Aurelito77 il 30/10/07 alle 15:03 via WEB
    Non so chi sia questo Larsson (ad occhio e croce sembra il nome di uno sciatore di scuola scandinava), ma mi sta già simpatico. Ha detto qualcosa che si avvicina maledettamente alla verità dei fatti, per come la vedo io. Mai chiedersi "liberi da cosa" o "Liberi da chi". Quello viene dopo, una volta raggiunta la libertà. Solo allora si è padroni della propria schiavitù e si può combattere per abbatterla. E questo e quanto. Ciao, Liz... ti leggo sempre più che volentieri.
    Rispondi


    elizabeth77 il 30/10/07 alle 15:13 via WEB
    Eh anche io la penso proprio come il nostro signor Larsson..per questo l'ho citato qui... :-) Grazie..anche io passo spesso da te...
    Rispondi

    RispondiElimina