Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

martedì 30 ottobre 2007

Amami...Vivimi...Toccami...Prendimi...

Vivi ogni centimetro di pelle...bacia ogni angolo di cuore...
Prendi le mie mani e lascia che mi fidi di te...lasciami essere me stessa..

Amami...Vivimi...Toccami...Prendimi...

Non lasciare che la mia vita sia solo mia..
Riempimi...riempi la mia anima...
Riempimi...scivolando lento dentro me...

Amami...Vivimi...Toccami...Prendimi...Riempimi...

Insegnami la tua vita...
Insegnami la strada per arrivare a te...
Insegnami a non avere paura...
Insegnami che l'amore esiste...

Amami...
Vivimi...
Toccami...
Prendimi...
Riempimi...
Insegnami...

Immagine: - La luna prigioniera guarda la notte sognando il mattino - Francesco Musante

2 commenti:

  1. la_fata_di_roma il 30/10/07 alle 15:02 via WEB
    che tu possa passare una giornata fatata *__^
    Rispondi


    Twisted_truth il 30/10/07 alle 19:08 via WEB
    JUST LIKE A WOMAN ,CLICCA.
    Rispondi


    molinaro il 31/10/07 alle 10:12 via WEB
    Uhm... Si può fare! :-) Ciao!
    Rispondi


    guizzogol il 31/10/07 alle 12:54 via WEB
    Spero che il tuo messaggio arrivi a chi di dovere...
    Rispondi


    Ultimavez il 01/11/07 alle 23:26 via WEB
    C'è una bellissima poesia di Neruda, che odio profondamente, che mi ricordano questi versi.
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/11/07 alle 23:44 via WEB
    Non hanno la pretesa di essere versi...è solo qualcosa che ho scritto a qualcuno...
    Rispondi


    elizabeth77 il 01/11/07 alle 23:45 via WEB
    Cmq..ti ringrazio per il paragone di cui non sono assolutamente degna..tu lo odi il Pablo..io non tanto.. :-)
    Rispondi


    Ultimavez il 01/11/07 alle 23:54 via WEB
    Lo odio, per il troppo amore. Per quello che mi ricorda.
    Rispondi


    Ultimavez il 01/11/07 alle 23:55 via WEB
    Empiti di me. Desiderami, stremami, versami, sacrificami. Chiedimi. Raccoglimi, contienimi, nascondimi. Voglio esser di qualcuno, voglio esser tuo, è la tua ora. Sono colui che passò saltando sopra le cose, il fuggitivo, il dolente. Ma sento la tua ora, l' ora in cui la mia vita gocciolerà sulla tua anima, l' ora delle tenerezze che mai non versai, l' ora dei silenzi che non hanno parole, la tua ora, alba di sangue che mi nutrì d' angosce, la tua ora, mezzanotte che mi fu solitaria. Liberami di me. Voglio uscire dalla mia anima. Io sono ciò che geme, che arde, che soffre. Io sono ciò che attacca, che ulula, che canta. No, non voglio esser questo. Aiutami a rompere queste porte immense. Con le tue spalle di seta disseppellisci queste àncore. Così una sera crocifissero il mio dolore. Liberami di me. Voglio uscire dalla mia anima. Voglio non aver limiti ed elevarmi verso quell' astro. Il mio cuore non deve tacere oggi o domani. Deve partecipare di ciò che tocca, dev' essere di metalli, di radici, d' ali. Non posso esser la pietra che s' innalza e non torna, non posso essere l' ombra che si disfa e passa. No, non può essere, non può essere. Allora griderei, piangerei, gemerei. Non può essere, non può essere. Chi avrebbe rotto questa vibrazione delle mie ali? Chi m' avrebbe sterminato? Quale disegno, quale parola? Non può essere, non può essere, non può essere. Liberami di me. Voglio uscire dalla mia anima. Perché tu sei la mia rotta. T' ho forgiata in lotta viva. Dalla mia lotta oscura contro me stesso, fosti. Hai da me quell' impronta di avidità non sazia. Da quando io li guardo i tuoi occhi son più tristi. Andiamo insieme. Spezziamo questa strada insieme. Sarò la tua rotta. Passa. Lasciami andare. Desiderami, stremami, versami, sacrificami. Fai vacillare le cinte dei miei ultimi limiti. E che io possa, alfine, correre in fuga pazza, inondando le terre come un fiume terribile, sciogliendo questi nodi, ah Dio mio, questi nodi, spezzando, bruciando, distruggendo come una lava pazza ciò che esiste, correre fuor di me stesso, perdutamente, libero di me, furiosamente libero. Andarmene, Dio mio, andarmene! (P. Neruda)
    Rispondi


    elizabeth77 il 02/11/07 alle 09:12 via WEB
    Grazie!!!
    Rispondi


    Ludack il 02/11/07 alle 00:16 via WEB
    Le parole arrivano sempre a chi devono, nei tempi che loro vogliono ma arrivano...in questo caso arrivate, forti e chiare...
    Rispondi


    sasa74sg il 29/11/07 alle 11:54 via WEB
    Spero tu sia all'altezza di queste parole
    Rispondi

    RispondiElimina
  2. ...Se posso essere indelicato bisognerebbe cambiare il titolo del quadro di Musante, che non è "la luna prigioniera guarda la notte sognando il mattino".
    Buena vida

    RispondiElimina