Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

giovedì 25 febbraio 2010

Nuoto e mi batte il cuore.
Scivolo leggera.

Trovo il ritmo e la bracciata.

Sono acqua,
liscia e fluida.

Conto il respiro.

Sento e scelgo.

Immagine: -Bisce d'acqua (particolare)- G. Klimt

giovedì 18 febbraio 2010

Voglio acqua.
Immergermi tutta.
Avere solo silenzio,
e sospensione.

Sentire solo me.
Rallentare il battito.

Sciogliere la rabbia.
Dissolvermi.

lunedì 15 febbraio 2010

Voglio fermarmi.
Smettere di volerti.

Lasciare andare.

Volere me.

Arrendermi per amarmi.
Bastarmi.

Immagine: Matisse -Nudo Blu-

giovedì 11 febbraio 2010

Se penso all'amore ha i tuoi occhi pieni di passione,
ha il sapore dei nostri baci rubati,
il profumo della nostra pelle e
delle infinite volte in cui ci siamo
cercati
e spogliati
e amati.

Amo e amerò per sempre le tue mani,
e il modo in cui hanno risvegliato
il mio cuore indurito.
(la mia pelle le reclama)

Amo i tuoi baci che mi mancheranno sempre,
e il nostro modo unico di fare l'amore,
di amarci e ridere di quanto ce n'è.

Amo i nostri abbracci pieni di emozione,
i nostri cuori e i nostri sguardi
e la meraviglia che
ancora
riusciamo ad essere insieme.

Ma poi c'è il tuo eterno fuggire,
il tuo eterno spegnerti e
spegnere anche me.

C'è l'inganno, e il tradimento,
le mezze verità e
la mancanza di coraggio.
L'incapacità di scegliere da uomo e senza paura.
C'è l'assenza di generosità e l'apatia.
C'è che non sei capace di amarmi se sono tua.
C'è che non sei capace di vedere chi sono,
e quanta tenerezza ho nel cuore.

C'è che della mia dolcezza non sai che fartene,
che il mio coraggio ti sminuisce,
che il mio amore ti sazia.

Mi ami quando non mi hai.
Mi ami quando non ti amo.
Mi ami quando sei altrove
costretto
in spazi non tuoi.
Poi ti stanco.

Ed è un dolore enorme.

Che tutto rimanga per sempre incompiuto.
Che il nostro amore sia stato insozzato da altre mani, altra pelle, altri baci.
Che non siamo capaci di riconoscere
il valore della fedeltà a noi stessi.

Che stiamo mettendo
l'ultimo mattone sulla cosa
più potente
che possa capitare a due persone che non hanno lo stesso sangue.

Che questo sarà un addio,
uno spegnere l'ultima fiamma
di qualcosa che non
hai mai voluto davvero.

Immagine: http://sessantanotturno.blogspot.com/

venerdì 5 febbraio 2010

Edward Hopper

So che passerai.

E svanirà la rabbia
che mi urla in gola.

Tornerà il silenzio sospeso e denso.

E la mia pace.

(Tu resterai ombra.)

Immagine: - Sun in an empty room- E. Hopper

lunedì 1 febbraio 2010

Io sono il tuo sangue
e la tua carne.

Ti scorro sotto pelle
e batto dentro il cuore.

Siamo l’incastro perfetto,
creati l’una per l’altro,
siamo l’infinito errore
che si perpetua e ritorna.

Sono sola, ancora.

Affacciata al bordo della tua anima
che non riesco a sfiorare.

Sono qui
a perdere di nuovo.

A raccogliere l’ennesima sconfitta.

Seduta sul bordo del letto
guardo la tua schiena che si allontana.

Ancora.

Immagine :Lilya Corneli -The smell of you-