Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

venerdì 29 gennaio 2010

C’erano giorni in cui eri il sole.
E il tuo solo sguardo
mi rendeva bella e felice.

Brillavamo
dentro la nostra luce.

Erano i tempi in cui il tocco
delle tue mani
mi bruciava la pelle per giorni.

Ora ti guardo.

Sei l’amore
che vorrei ancora sentire.

Sei tutto il tempo
in cui ci siamo
amati e rincorsi.

Sei la passione
e il ricordo
di tantissimo fuoco.

Ora ti guardo.
Riesco a fissarti.

Non sei più il sole,
non mi bruci più.

Sei una lunga
ferita malinconica
sul cuore.

Immagine: -Il sole rosso- J. Mirò

lunedì 25 gennaio 2010

Non sarà la paura
a proteggermi da te,
non sarà il controllo,
a tenerti con me.

Sei libero,
di scegliermi ancora,
e restarmi addosso.

Ed io,
di sciogliermi su di te
e intanto restare dentro me.

Siamo liberi
di rinchiuderci in noi,
l'incastro perfetto.
Finchè lo sarà.

Immagine: -Bond of Union- Escher

giovedì 21 gennaio 2010

Hai trovato un varco,
ancora,
lasciato da questo cuore incauto che
ancora
palpita addosso al tuo.

Hai trovato la strada,
per questa pelle stupida che
ancora
si lascia amare
e ti sa amare,
persino meglio di me.

E di nuovo spero,
che si rompa l'incantesimo
che ci lega e ci divide.

Che finalmente tu sia mio,
ed io tua.
Con semplicità.
Senza sconfitti, nè perdenti.

Ed ho solo voglia di fuggire.

Immagine: -Il bacio- E. Munch

martedì 12 gennaio 2010

Inquieta e irrequieta.
Cuore stupido
che non sa lasciarsi amare.

Eppure,
sotto il cappello,
sopra il libro,
dentro il riflesso,
vedo i miei occhi
sorridere, di serenità.

Immagine: A. Modigliani - Jeanne con grande cappello-

venerdì 8 gennaio 2010

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia,
è la mia nostalgia
cresciuta sul ramo inaccessibile
è la mia sete,
tirata su dal pozzo dei miei sogni
è il disegno,
tracciato su un raggio di sole
ciò che ho scritto di noi è tutta verità
è la tua grazia,
cesta colma di frutti rovesciata sull'erba
è la tua assenza,
quando divento l'ultima luce all'ultimo angolo della via
è la mia gelosia,
quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati
è la mia felicità,
fiume soleggiato che irrompe sulle dighe
ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
ciò che ho scritto di noi è tutta verità.


Nazim Hikmet

Immagine: F. Musante -L'ultimo treno della notte nel golfo dei sogni perduti-