Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

mercoledì 28 gennaio 2009

mercoledì 21 gennaio 2009

Abbandono questi panni stretti
in un angolo
e finalmente mi espando libera.

E brillo.
E la mia risata mi riempie gli occhi.

E divento femmina.
Mi riconosco.
Gioco.
Vengo avanti
e poi mi tiro indietro.

Per il semplice gusto
di riderti dentro
la bocca.
Per lasciarmi rincorrere.

Sono acqua dentro le tue mani.
Sono io.

Immagine: -Game on- J. Vettriano

lunedì 19 gennaio 2009

Oskar Kokoschka

Sono al centro del mio vuoto.
Non c'è rifugio e l'aria è irrespirabile.
Lascio uscire parole tremanti, dolori antichi.
Scopro la pelle morbida, nuda e bianca.
Scopro l'anima fragile e provata.
Sola.
Al centro del mio baratro più grande.
Buio e vuoto.

Immagine: -Ragazza nuda- Oskar Kokoschka

venerdì 16 gennaio 2009

"Eravamo state meravigliose compagne di viaggio, ma in fondo non eravamo che solitari aggregati metallici che disegnavano ognuno la propria orbita. In lontananza potremmo anche essere belle a vedersi, come stelle cadenti. Ma in realtà non siamo che prigioniere, ognuna confinata nel proprio spazio, senza la possibilità di andare da nessun altra parte. Quando le orbite dei nostri satelliti per caso si incrociano, le nostre facce si incontrano. E forse, chissà, anche le nostre anime vengono a contatto. Ma questo non dura che un attimo. Un istante dopo, ci ritroviamo ognuna nella propria assoluta solitudine. Fino al giorno in cui bruceremo e saremo completamente azzerate."

H. Murakami -La ragazza dello Sputnik-
Immagine:-L'infinita significabilità dell'essere- Pier Augusto Breccia

mercoledì 14 gennaio 2009


Non ho più voglia di parlare.
Non ho più voglia di ascoltare.
E di capire meno che mai.

Voglio le mani sulle orecchie
e un urlo in gola.

Non voglio più provare a sognare.
Nè tantomeno a pensare che
qualcosa possa cambiare.

Si, sono ESAGERATA.
Sticazzi.

Immagine: -L'urlo- Dino Buzzati

mercoledì 7 gennaio 2009

Voglio diventare una pianta grassa,
rotonda, gonfia e piena di spine.
Che lasciata sul balcone,
senza nessuna cura e senza acqua
vive,
florida e piena.

Ho voglia di imparare a sopravvivere con due gocce d'acqua.