Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

mercoledì 24 settembre 2008

martedì 23 settembre 2008

Ho voglia di perdermi.

E di piangere,
e di ridere,
e di tremare,
e di urlare.

E sciogliermi.

Smettere di essere
occhi,
mani,
bocca,
pelle.

Essere solo danza e fuoco.

Immagine: -Pittura di fuoco- Klein

lunedì 22 settembre 2008

Gocce di commozione felice
mi scaldano gli occhi
mentre gli amici di una vita fa
si fanno reciproche ed eterne promesse.

Trovo la mia faccia da sedicenne
acerba e problematica
dentro l'album dei loro ricordi
(ed alcuni sono anche i miei).

I figli dei nostri amici
della stessa vita fa
mi giocano tra i piedi.

Tra le vite nuove
dei miei vecchi amici,
sono seduta a questa festa anch'io,
con la mia strada così diversa e lontana dalla loro.

Io, perennemente affacciata sulle pieghe dell'anima mia.

Immagine: -Il sogno- H. Matisse

martedì 16 settembre 2008

Rigurgiti d'anima in pena

Rovisto tra le mie mille parole,
indago tra le mie profondità,
osservo stupita (e stupida) i miei cambiamenti,
sento serpeggiare inquietudine,
scavo la mia anima come antidoto alla paura.

Immagine: -L'enigma dell'oracolo- G. De Chirico

martedì 9 settembre 2008

Inizio a preparare la valigia,
apro il terzo cassetto del comò
che c'è voglia di noi.

E di giorni nostri.

Immagine:-Les Amoureux- M. Chagall

martedì 2 settembre 2008

Dalla nuvola gonfia dei miei capelli
sfilo piano inutili pensieri.

Leggeri e colorati come bolle di sapone,
piccoli e pesanti come pallini di piombo,
altri profumati di desiderio,
rotondi e morbidi come caramelle,
aguzzi e taglienti alcuni,
e altri che si attorcigliano alle dita
come piccoli serpenti.

Li infilo uno per uno
e ci faccio una collana
lunga e colorata
da sgranare come un rosario,
io che non prego mai.

Immagine: da web