Ove non diversamente specificato, i testi contenuti in questo blog sono di proprietà dell’autore Giulia Vistoli e sono protetti da copyright. Nessuna riproduzione, né integrale né parziale, e nessuna manipolazione è consentita senza preventiva autorizzazione dell’autore. In particolare, sono assolutamente vietate le riproduzioni a scopo di lucro. E’ invece ammesso il linking alla home page del blog o ai singoli post. I testi non di proprietà dell’autore del blog appartengono ai rispettivi autori e non sono utilizzati a scopo di lucro.

martedì 29 gennaio 2008

Perdo il filo dei miei pensieri e dei miei desideri.
Viaggio sballottata nelle mie contraddizioni.

Ho ancora voglia d'amare,
ma non so se ne trovo la forza.

Voglio baci di cui conosco già il sapore,
e un corpo di cui ricordo tutte le pieghe
da stringere nelle mie notti.

Voglio intimità,
quella vera,
quella che non necessita di parole,
nè di domande, nè di conferme.
Voglio complicità,
quella fatta di sguardi e piccoli gesti,
quella in cui senti
che i pensieri scorrono da occhi a occhi,
da mani a mani,
quella in cui senti di appartenere,
senza possesso.
Ho bisogno di quel filo che lega la mia anima ad un'anima altrui,
senza legami che stringano,
senza forzature.

E per avere questo,
c'è bisogno di un cuore sgombro,
aperto e pronto ad accogliere.

Il mio è sempre quello stupido
che corre
e crede
e ama
in modo
sconsiderato, assoluto e totale.

Ma ora è sotto vetro.

Sono ferma.

Talmente ferma che
non sogno, scruto
non desidero, pondero.

Talmente ferma che ho paura di non sentirmi più.

Immagine: -La grande torre- G. De Chirico

1 commento:

  1. the_closer il 29/01/08 alle 23:39 via WEB
    non sei la sola. non che questa sia una consolazione...
    Rispondi


    elizabeth77 il 29/01/08 alle 23:41 via WEB
    no..non lo è...ma forse aiuta... :-)
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 29/01/08 alle 23:40 via WEB
    non so se tenerlo sotto vetro sia un bene. so che nella vita vale sempre mettersi in gioco. e i sentimenti mi sembrano una buona prova per capire quanto riesci a non stare ferma...
    Rispondi


    elizabeth77 il 29/01/08 alle 23:42 via WEB
    sto tentando di toglierlo da li sotto..ma non è che mi riesca un granchè...
    Rispondi


    ridicolaleggerezza il 29/01/08 alle 23:53 via WEB
    ci riuscirai... sono ottimista!
    Rispondi


    purqua.pa il 30/01/08 alle 08:32 via WEB
    eppur (qualcosa) si muove. involontariamente
    Rispondi


    elizabeth77 il 30/01/08 alle 09:21 via WEB
    Hm...speriamo! :-)
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 30/01/08 alle 12:26 via WEB
    ma va la' ragazza... quando mai...? tu parli anche quando stai muta. non riesci a trasmettere neanche l'immagine dell'immobilita'. vetro? forse si'... infatti si vede tutto quello che c'e' sotto.
    Rispondi


    elizabeth77 il 30/01/08 alle 12:36 via WEB
    Riesci sempre a farmi sentire scoperta tu... :-) ma non è che succede a tutti ragazzo... (e arrosisco.. :-P )
    Rispondi


    al_pessimo_esempio il 30/01/08 alle 14:26 via WEB
    forse e' che so cosa sei capace di trasmettere tacendo.. e cmq ci piace essere riconosciuti. magari ci fosse piu' gente a saperci leggere bene...
    Rispondi


    elizabeth77 il 30/01/08 alle 14:44 via WEB
    si..ci piace essere riconosciuti...mi piace chi sa leggermi senza sottotitoli... :-)
    Rispondi


    the_closer il 31/01/08 alle 15:08 via WEB
    ci sono molte persone che sono analfabete, altre che credono di saper leggere ma leggono solo quello vorrebbero che fosse, poche lo sanno fare davvero. mettere il cuore sottovetro è giusto finchè non si incontra un ottimo lettore
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/01/08 alle 16:25 via WEB
    dunque per ora sta bene lì sotto... :-)
    Rispondi


    the_closer il 31/01/08 alle 17:10 via WEB
    esatto :-)
    Rispondi


    divinoflagello il 31/01/08 alle 12:36 via WEB
    "Voglio intimità, quella vera, quella che non necessita di parole, nè di domande, nè di conferme. Voglio complicità, quella fatta di sguardi e piccoli gesti, quella in cui senti che i pensieri scorrono da occhi a occhi, da mani a mani, quella in cui senti di appartenere, senza possesso." ..........almeno posso leggerlo scritto da qualcuno e riconoscermi....anche se vorrei affacciarmi la domenica alla finestra accanto al Papa e gridarlo!!!
    Rispondi


    elizabeth77 il 31/01/08 alle 12:39 via WEB
    Potremmo organizzare un gruppo urlante... :-)
    Rispondi

    RispondiElimina